Viaggi: le città dei Mondiali di calcio 2018

Strategie di gioco sulla Rete: il caso delle slot machine
febbraio 27, 2018
Le interviste di Eclipse: Fabio Gravina
marzo 2, 2018
Show all

Viaggi: le città dei Mondiali di calcio 2018

Tra pochi mesi cominceranno ufficialmente i Mondiali di calcio 2018 in Russia, uno degli eventi più attesi al mondo. Dal punto di vista prettamente calcistico gli esperti di scommesse sportive sono già in pieno fermento per stabilire quali sono le nazionali candidate alla conquista dell’ambito titolo. È innegabile ammettere, però, che questo evento ha una risonanza anche dal punto di vista prettamente turistico. Saranno milioni i tifosi che voleranno verso la Russia per assistere alle partite ma allo stesso tempo anche per visitare le città ospitanti.

La Russia ha stanziato ben dodici miliardi di dollari per far fronte alle infrastrutture e l’ammodernamento degli impianti destinati ad ospitare la massima competizione mondiale per nazionali.

L’Italia, purtroppo, non prenderà parte ai Mondiali di calcio 2018 in Russia, ma gli italiani potranno comunque decidere di viaggiare verso una delle undici città coinvolte nell’edizione numero ventuno della Coppa del Mondo.

Ekaterinburg, Kaliningrad, Kazan, Nizhny Novgorod, Rostov sul Don, Samara, San Pietroburgo, SaranskSochi, Volgograd e ovviamente la capitale, Mosca, dove verrà giocata la finale prevista per il 15 luglio, c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Ekaterinburg, con i suoi 1,4 milioni di abitanti, è la quarta città più popolata della Russia. La città della Ekaterinburg Arena è conosciuta in tutto il mondo perchè nella notte tra il 16 e 17 luglio del 1918 avvenne la fucilazione dell’ultimo imperatore di Russia, lo Zar Nicola II, per mano dei rivoluzionari bolscevichi.

Sochi, invece, è famosa in tutto il mondo per aver ospitato nel 2014 l’edizione XXII dei Giochi Olimpici Invernali.  Dallo stesso anno la città è sede del Gran Premio di Russia di Formula 1, vinto nell’ultima edizione da Valteri Bottas. La città, poco più di 400.000 abitanti, è nota come “la Riviera Russa” per via del suo clima piacevole: questo permette a chi la visita di godere sia del mare che delle attività tipiche della montagna, come sci e alpinismo.

Kazan è la capitale della Repubblica del Tatarstan, ed ha oltre mille anni di storia. Ospita oltre un milione di abitanti e il Rubin Kazan, club campione nazionale nel 2008 e nel 2009 che gioca le sue partite nella Kazan Arena.

Konigsberg, fondata nel lontano 1231 dall’Ordine dei Cavalieri Teutonici, fu la città natale del filosofo Immanuel Kant. Conquistata dall’Armata Rossa al termine della seconda guerra mondiale, da allora ha fatto parte dell’Unione Sovietica e oggi è un exclave russa, trovandosi sul Mar Baltico tra Polonia e Lituania. Proprio nel cuore della città, sull’isola di Oktyabrsky, è stato costruito il Kaliningrad Stadium, progettato proprio in occasione dei Mondiali 2018.

Rostov è invece la città più grande della Russia Meridionale con oltre un milione di abitanti. Fu fondata sul Don nel 1749 e da allora è sempre stata un importantissimo snodo commerciale e allo stesso tempo una città dove la scienza e la cultura sono trattate con riguardo. Patria dei cosacchi, Rostov è una città colorata, romantica e multiculturale. La Rostov Arena, che aprirà i battenti in occasione dei Mondiali 2018, sorge sul lato sud del fiume Don, e una volta concluso il torneo sarà il cuore di una rinascita della zona, con centri commerciali e nuove abitazioni.

San Pietroburgo è la città più raffinata della Russia. Il suo centro è stato dichiarato patrimonio mondiale dell’Unesco. Mosca, infine, una delle città più belle al mondo, con i suoi 12 milioni di abitanti è la prima città d’Europa per popolazione e l’undicesima nel mondo. Dotata di ben quattro aeroporti, nove stazioni ferroviarie e quella che è la metropolitana maggiormente utilizzata in Europa, ha una storia millenaria ed è una delle città più visitate al mondo grazie a opere straordinarie come il Cremlino e la Piazza Rossa, patrimoni mondiali dell’UNESCO.