La motonave Viminale, il Titanic Italiano

Tre punti di rottura al Piccolo Re di Roma
Apr 16, 2010
Addio Raimondo
Apr 16, 2010
Show all

La motonave Viminale, il Titanic Italiano

viminaleLa motonave Viminale è un relitto affondato durante la seconda guerra mondiale al largo della costa di Palmi, in provincia di Reggio Calabria. Appassionati ed addetti al settore considerano questo relitto il Titanic italiano, per la straordinaria ricchezza del suo carico, conservato sino ad i giorni nostri in maniera pressoché intatta.

Varata nel lontano 1925 dalla Loyd Triestino, la Viminale rappresentava un vanto per tutta la cantieristica italiana del tempo: la sua portata è di circa 8657 tonnellate, per una lunghezza di 140 metri ed una larghezza di circa 18 metri. Al suo interno vi erano ampie stive per la merce, cabine di I II e III  classe, saloni immensi, sale dedicate ai fumatori, sale lettura e studio.
In particolare le cabine di I classe erano molto ampie, con finestre rettangolari e la possibilità di disporre di acqua corrente, un vero lusso per l’epoca.
Sul ponte erano presenti inoltre due imbarcazioni di salvataggio ed altri due mezzi utilizzati per i servizi in porto.
La motonave attesta un cambiamento nei modelli e nelle tecniche cantieristiche sino ad allora largamente diffuse: dotata di due alberi con una poppa ellittica ed una prora dritta, presenta un fumaiolo di dimensioni particolarmente ridotte, quasi a voler soddisfare  esigenze di tipo estetico e non solo funzionale.
Tra le sue traversate più note ricordiamo quella che la portò ad approdare sulle coste giapponesi, in un’epoca in cui il paese del sol levante era ritenuto lontano ed inaccessibile.
Dopo il suo varo viene impiegata spesso per il trasporto di passeggeri ed emigranti italiani per l’Australia. Ed è proprio in questo lontanissimo continente che prende parte all’inaugurazione del nuovo ponte di Sidney nel 1932 rappresentando in quell’occasione la flotta  mercantile italiana.
Successivamente viene utilizzata per il trasporto di soldati e di materiale bellico all’inizio della seconda guerra mondiale in Somalia, Eritrea, Albania, Grecia.
La Viminale viene silurata il 25 luglio 1943 da un’unità alleata (la Pt 216 ovvero una delle Patrol Torpedo americane dislocate in Sicilia) mentre era trainata  dal porto di Palermo a quello di Napoli per alcune riparazioni.
Dopo anni passati nell’oblio, la motonave è stata riscoperta nel 2000, da un gruppo di esperti subacquei italiani: oggi il relitto giace in assetto di navigazione ad una profondità massima di 105 metri, adagiandosi su un fondale fangoso, solo leggermente inclinato sul lato sinistro.

di Valentina Pascali

.
{joomplu:382}