pornplacevr
pornplaybb.com siteripdownload.com 1siterip.com
Immortals: una noia "mortale"
11 Novembre, 2011
L’Operazione Odessa fra banche svizzere e Vaticano
11 Novembre, 2011
Show all

IX Festa del cioccolato della Città di Cosenza

Celebrazione del cibo degli dei

Per la nona volta consecutiva nella città di Cosenza si è tenuta la festa del cioccolato. La manifestazione quest’anno si è svolta sul lungo Crati, alla confluenza dei fiumi Crati e Busento e alla base di uno dei sette colli della città, il Pancrazio, dove svetta il Castello Svevo, roccaforte di Federico II di Svevia noto come “Stupor Mundi”. Alla confluenza dei due fiumi, nel letto del Busento, la leggenda narra che il Re dei Visigoti Alarico, giunto in città dopo il sacco di Roma del 410, mori e vi fu sepolto insieme ai suoi tesori. Nella cittadina Bruzia è possibile, inoltre, ammirare la Cattedrale edificata nel 1222 e che dal 12 ottobre 2011 fa parte ufficialmente del Patrimonio dell’Unesco in quanto “testimone di cultura e di pace”, primo bene in tutta la Calabria. Negli anni passati la Festa si è tenuta lungo il percorso pedonale di Corso Mazzini, salotto della città e sede del Museo all’aperto Bilotti (MAB), unico nel suo genere nel nostro Paese, sede di opere di Sache Sosno, Emilio Greco, Salvador Dalì, Pietro Consagra, Mimmo Rotella. La manifestazione, organizzata dalla provincia di Cosenza e dalla Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa di Cosenza e con la partecipazione del Comune di Cosenza, ha celebrato il “cibo degli dei” con maestri cioccolatieri. Per Mario Caligiuri, neo Assessore alle Attività Economiche e Produttive della Provincia di Cosenza “I cinque sensi saranno messi a dura prova dal fitto calendario di iniziative, incontri, laboratori , spettacoli e degustazioni atte a valorizzare il buon cioccolato di Calabria come prodotto di eccellenza”. Durante la tre giorni si è tenuto un laboratorio di lavorazione del cioccolato mentre un gruppo di clown ha rallegrato il già dolce evento. Le serate sono state allietate da vari gruppi musicali e da cabarettisti. Si sono esibiti gruppi come i Multicolor, i New Romantic, la Band Gazzaruso, Daniele Moraca e Pino Gigliotti con il suo cabaret. “Puntiamo a sviluppare le potenzialità del territorio – conclude il sindaco Occhiuto – per restituire alla città, anche grazie alle sue eccellenze, la centralità che merita”.

di Rosanna Angiulli