Volterra 2014-2015: “Rosso Fiorentino. Rosso Vivo. La Deposizione, la Storia, il ‘900, il Contemporaneo”

Coca-Cola Summer Festival vincono Cris Cab con “Liar Liar” e i Santa Margaret con “Riderò” tra i giovani
Luglio 30, 2014
Notte di stelle a Monterano
Agosto 5, 2014
Show all

Volterra 2014-2015: “Rosso Fiorentino. Rosso Vivo. La Deposizione, la Storia, il ‘900, il Contemporaneo”

Rosso Fiorentino Rosso VivoUn incantevole biennio artistico per la cittadina toscana

Un vero e proprio Museo diffuso dal 23 maggio 2014 e per l’intero 2015 per valorizzare la città di Volterra con un ricco carnet di eventi culturali. Artisti del passato, del ‘900, scultori e pittori contemporanei sono proposti in sei diversi allestimenti in altrettante sedi della città, straordinariamente visitabili con un unico biglietto (la Volterra Card, valida 72 ore). Pinacoteca, Museo Etrusco Guarnacci, Palazzo dei Priori, Teatro Romano, Battistero di San Giovanni ed Ecomuseo dell’Alabastro saranno uniti da un comune, è il caso di dirlo, fil rouge: il Rosso Fiorentino e la sua Deposizione (la cui sede è da sempre proprio la Pinacoteca volterrana). Ma perché scegliere un pittore del ‘500 per rappresentare anche l’età contemporanea? Lo spiega il curatore dell’evento, Vittorio Sgarbi: «In Rosso Fiorentino si possono vedere cubismo, astrattismo, arte concettuale e il pubblico potrà ammirare Rosso Fiorentino attraverso il lavoro di vari artisti» che ne riproducono «l’irregolarità, l’eccentricità o l’essenzialità».

Un artista icastico, «il Rosso era, oltra la pittura, dotato di bellissima presenza; il modo del parlar suo era molto grazioso e grave; era bonissimo musico, et aveva ottimi termini di filosofia, e quel che importava più che tutte l’altre sue bonissime qualità, fu che egli del continuo nelle composizioni delle figure sue era molto poetico, e nel disegno fiero e fondato, con leggiadra maniera e terribilità di cose stravaganti, e un bellissimo compositore di figure. Nella architettura fu eccellentissimo e straordinario, e sempre, per povero ch’egli fosse, fu ricco d’animo e di grandezza.» Quale miglior descrizione se non quella che il Vasari dedica nelle sue pagine delle illustri Vite (IV, pp. 473-474) per presentare uno dei maestri del Cinquecento italiano, Giovanni Battista di Jacopo Guasparre, meglio conosciuto, per l’appunto, come il Rosso Fiorentino.

Diede un contributo rilevante al manierismo fiorentino, andando oltre la visione rinascimentale composta, frammentandone il racconto in scena, con questa pala d’altare realizzata nel 1521 per la Cappella della Croce di Giorno, che si impone per la vivacità del cromatismo e la dinamicità della composizione, emotivamente intensa attraverso i volti esasperati e i gesti concitati dei soccorritori del Cristo, tra i quali emergono la Madonna, la Maddalena inginocchiata e San Giovanni, elementi tutti che ne fanno di questo dipinto «un bellissimo Deposto di Croce» (Vasari).

Volterra si propone dunque all’attenzione con un evento ambizioso, che vedrà l’alternarsi delle opere d’arte esposte, oltre a conferenze di approfondimento con personalità di rilievo della cultura nazionale; un progetto ideato dall’architetto Alberto Bartalini, che si dedica alla realizzazione di spazi urbani che interagiscono con l’arte per creare, come in questo caso, «un percorso fuori da ogni schema museale canonico», in cui il Comune di Volterra, in collaborazione con la Diocesi, per la produzione e l’organizzazione di Arthemisia Group, credono molto. Lodevole esempio di sinergia tra pubblico e privato che interagiscono per l’esposizione delle opere, per il bene dell’Arte come patrimonio da diffondere.

«Faceva qualche passo; andava verso la Deposizione, chiudendosi gli occhi con le palme. Li riapriva dinanzi al quadro, considerava la muta tragedia; poi si sedeva in disparte, senza distogliere lo sguardo.»

La Deposizione dalla Croce celebrata da Gabriele D’Annunzio in Forse che sì, forse che no.

Sedi e Orari (tutti i giorni):

Pinacoteca Civica: dalle 9:00 alle 19:00

Ecomuseo dell’Alabastro: dalle 9:30 alle 19:00

Palazzo dei Priori: dalle 10:30 alle 17:30

Museo Etrusco Guarnacci: dalle 9:00 alle 19:00

Teatro Romano: dalle 10:30 alle 17:30

Battistero di San Giovanni: dalle 10:00 alle 18:00

Quando: 23 maggio 2014 – 31 dicembre 2015

Biglietto: Intero 14€, Ridotto 12€, Gruppi 10€, Scuole 5€, Famiglia (2 adulti+2 bambini) 20€

Sponsor dell’iniziativa: Knauf

Info: www.rossofiorentinovolterra.it

di Elisabetta Lattavo