pornplacevr
pornplaybb.com siteripdownload.com 1siterip.com
Cattivissimo me: arriva il sequel
16 Febbraio, 2012
Ronciglione e Poggio Mirteto, tra Ussari, pitali e liberazioni
17 Febbraio, 2012
Show all

Carnevale in Calabria

La regione calabrese offre molti festeggiamenti in occasione del carnevale

In Calabria una delle celebrazioni più belle del Carnevale avviene nella città di Amantea, provincia di Cosenza. Il Carnevale è intitolato a mastro Giuseppe Brusco, un falegname che negli anni ’60 diede vita proprio alla prima grande sfilata di carri allegorici in questa città. La maschera ufficiale del Carnevale di Amantea è Rosinella che rappresenta la classica popolana sempre pronta a scovare pettegolezzi e a ricamarci su diffondendoli. Il suo simbolo è proprio per questo motivo una grossa forbice. Ecco gli appuntamenti di Amantea: Domenica 19 Febbraio dalle ore 15.00 Sfilata carri allegorici; Lunedì 20 dalle ore 17.00 Sagra della Frittata, musica e spettacolo e a seguire alle ore 21.00 in Piazza Commercio Dj Prezioso by Radiodeejay; Martedì 21 dalle ore 15.00 di nuovo la sfilata dei carri allegorici e infine domenica 26 dalle ore 15.00 la premiazione finale dei carri più belli, scelti ad insindacabile giudizio di una giuria tecnica e di una popolare.

Sempre rimanendo nella provincia di Cosenza, un altro Carnevale degno di nota tra quelli calabresi, è quello di Castrovillari, nato ufficialmente nel 1959, il quale mescola sapientemente lo spettacolo al folklore, caratterizzato dalla partecipazione spontanea di diversi gruppi durante la celebrazione. A Castrovillari la kermesse è iniziata il 10 febbraio e proseguirà fino al 21 febbraio con un calendario ricchissimo di appuntamento. In particolare, nelle giornate di Carnevale ci saranno cortei, esibizioni, spettacoli e concerti. È possibile conoscere tutto nel dettaglio su questo sito http://www.carnevalecastrovillari.it/programma.html.

Spostandosi nel capoluogo di regione, Catanzaro, continuano le celebrazioni. Il Carnevale, in dialetto “U Carnovala”, viene festeggiato con maschere, veglioni e balli. La gente, proveniente da ogni rione, si sposta verso il corso principale e, mentre ora è possibile vedere ogni tipo di maschera, originariamente gli uomini si travestivano da donne e viceversa, i quali si lanciavano coriandoli e stelle filanti preparati artigianalmente e venduti agli angoli delle strade. Una curiosità: ogni sacchetto che li conteneva portava uno slogan in dialetto come ad esempio “a carnovala ogni scherzu vala!”. La maschera tipica di Catanzaro è Giangurgolo che, come ogni anno, aprirà la grande sfilata dei carri allegorici.

Queste le principali celebrazioni, ma è importante sottolineare che in realtà è anche nei piccoli paesi che si vivono i Carnevali più belli, infatti è usanza preparare in autonomia dei carri allegorici e farli sfilare nei tre giorni di festa, dove il grande coinvolgimento della gente del posto, impegnata tutto l’anno, fa sì che allegria e divertimento, con una punta di competitività, creino un’atmosfera davvero suggestiva.

di Alessandra Palermo