pornplacevr

Aiace, di Ghiannis Ritsos, al Teatro Lo Spazio

pornplaybb.com siteripdownload.com 1siterip.com
Castello di Petroia: due eventi da non perdere per il ponte del primo maggio
26 Aprile, 2017
George Smith Patton – Aforisma del 27 Aprile
27 Aprile, 2017
Show all

Aiace, di Ghiannis Ritsos, al Teatro Lo Spazio

Una cruda rilettura della tragedia di Sofocle

Dal 2 al 7 maggio 2017, Sycamore T Company presenta, al Teatro Lo Spazio di Roma, Aiace di Ghiannis Ritsos, tradotto da Nicola Crocetti, interpretato da Viola Graziosi, con la regia di Graziano Piazza e la scenografia musicale di Arturo Annecchino.Aiace di Ritsos è un eroe per forza, umiliato dall’impotenza della ‘normalità’, di ciò che gli altri gli impongono di essere, qui celebrato e interpretato al femminile.

Una donna, forse una proiezione, un miraggio, e un uomo, Aiace, evocato attraverso la voce di lei. Ripercorrono insieme la storia dell’eroe greco, il più valoroso dopo Achille.  Pieno di dolore per non essersi aggiudicato le armi di Achille dopo la sua morte, accecato da Atena, Aiace fa strage di greggi, credendo di vendicarsi sugli Achei, ma, tornato in sé, non sa sopravvivere alla vergogna. Dai fasti delle vittorie fino al grottesco tragico epilogo. Pian piano la donna riveste i panni dell’eroe attraverso le sue parole e le sue folli azioni, fino ad assumerne quasi le sembianze.  Non più moglie e madre e amante muta e impotente, ma eroina dei nostri giorni.

L’Aiace di Ritsos, scritto tra il 1967 e il 1969, è una rilettura della tragedia di Sofocle attraverso la quale il poeta, considerato tra i più grandi del ‘900, offre una visione lucida e cruda della sua contemporaneità umana e politica.

«Nel mettere in scena oggi questo testo – spiega il regista Graziano Piazza – ho voluto capovolgerne le parti per interrogare il lato femminile, sensibile dell’eroe, quella voce muta che finalmente arriva al centro della scena e prende parte alla battaglia del vivere.  L’Aiace di Ritsos è un eroe per forza, umiliato dall’impotenza della ‘normalità’, di ciò che gli altri gli impongono di essere. Un Uomo che combatte le sue vicende quotidiane, teso verso un percorso mitico, ma a cui il destino fa compiere azioni ridicole e che, infine, scopre la liberazione di perdere ogni cosa.