pornplacevr

Visto turistico per l’Australia: alcuni consigli

pornplaybb.com siteripdownload.com 1siterip.com
Bill Watterson – Aforisma del 5 Agosto
Agosto 5, 2016
Nelson Mandela – Aforisma dell’8 Agosto
Agosto 8, 2016
Show all

Visto turistico per l’Australia: alcuni consigli

Australia-flagIl visto turistico per l’Australia

Il visto turistico per l’Australia è quello tra i più richiesti per l’appeal e le bellezze naturalistiche che questo grande paese offre ai visitatori.
Per entrare è necessario il passaporto che bisogna richiedere con un certo anticipo e con questo procedere con la richiesta dello stesso visto.
In alcuni casi il visto turistico per l’Australia è possibile chiederlo online, verificando alcuni requisiti che sono visibili sul sito web del Department of Immigration and Citizenship del governo australiano.
Un visto turistico per l’Australia può avere una durata di 3 mesi che sono in taluni casi estendibili fino a 6 e a 12 mesi, se ci sono particolari condizioni legate ad altre attività, come per esempio la vacanza studio.
I visti concessi dal governo australiano sono diversi e rispecchiano qualsiasi tipo di esigenza del viaggiatore, compresa quella del lavoro, anche se non in modo permanente.
Non si entra comunque in Australia senza la concessione del visto, che si tratti di semplice vacanza o che abbia finalità di studio o di lavoro.
Per richiederlo ci sono modalità diverse in base al paese di provenienza e, per i cittadini che fanno parte dell’Unione Europea, per esempio, c’è un visto chiamato “eVisitor“, legato alla sottoclasse n° 651 (da tenere bene a mente per distinguerlo dagli altri).
Si tratta di un visto che viene concesso sia per le vacanze, ma anche per questioni di affari in Australia e ha una durata massima di 3 mesi.
C’è un altro tipo di visto turistico per l’Australia che si chiama Tourist Visa e anche in questo caso scade dopo 3 mesi.
La differenza tra i 2 sta nel fatto che per quest’ultimo visto si può fare richiesta anche quando si è già in Australia, dopo averne ottenuto altri magari per un soggiorno vacanze.
Per praticità si può trovare e compilare online (il nome di questo visto è “e676“).
In generale la concessione di tutti i visti, compresi quelli turistici per l’Australia è gratuita, tranne alcune eccezioni.
Il 676 per esempio ha un costo di circa 85 euro che si possono pagare anche con una transazione elettronica: è sufficiente qualsiasi tipo di carta di credito dei circuiti più noti.
Naturalmente se vi recate con un visto esclusivamente turistico in Australia è tassativo che non possiate intraprendere un qualsiasi rapporto lavorativo, stage o simili perché verreste subito espulsi. Ci sono molte agenzie e infopoint che danno assistenza anche gratuita sulle procedure burocratiche del visto per l’Australia, come Just Australia.

La vacanza in Australia

Per la vacanza in Australia e per visitare le più interessanti città di questo paese caldo e le zone naturalistiche popolate dai canguri e koala, è quindi necessario ottenere un visto per il quale avere alcuni requisiti inderogabili.
Tra questi ci sono un buono stato di salute e di questo se ne occupa il l’AQIS (Australian Quarantine and Inspection Service), che controlla tutti gli ingressi in Australia per prevenire qualsiasi introduzione di cittadini extra territoriali, che potenzialmente potrebbero essere veicolo di malattie endemiche esotiche o di epidemie di vario genere.
Lo stato di salute comunque viene verificato con delle visite mirate ed è necessario stipulare anche un’assicurazione sanitaria, detta “Overseas Student Health Cover“.
È importante ricordare che per avere un visto turistico per l’Australia, ma anche di altro tipo, bisogna dimostrare che si ha uno strumento di sostentamento valido per tutte le necessità contingenti.
Di solito basta un conto corrente bancario con carta di credito e che possa essere comprensibile anche in lingua inglese.
Il visto turistico per l’Australia potrebbe essere richiesto per una vacanza studio con lo Student Visa e ha una durata pari a quella del corso di studi che si vuole intraprendere.
Può riguardare una specializzazione post-laurea, un corso per il perfezionamento della lingua inglese, l’istruzione superiore, primaria e secondaria, ecc.
I requisiti richiesti sono principalmente quelli di una discreta conoscenza della lingua inglese che deve essere provata, senza la quale è probabile che il visto non venga accettato per ovvi motivi.
Bisogna prendere preventivamente contatti con la scuola che si ha intenzione di frequentare e aver già trasmesso la richiesta scritta di iscrizione ai corsi, in quanto la frequentazione deve essere già sicura.
L’istituzione scolastica deve anche rientrare nell’elenco di quelle riconosciute dal Cricos consultabile online.
Inoltrare la domanda del visto turistico per l’Australia per una vacanza studio ha un costo di 400 euro, che è relativo alle tasse di ingresso governative e non è rimborsabile.
Una vacanza in Australia con il visto Student Visa può essere anche l’occasione per fare un’esperienza lavorativa, che in questo caso è permessa, ma che non può superare le 20 ore settimanali.
Può diventare un lavoro full time solo quando ci sono le vacanze o se si è in attesa dell’inizio del nuovo semestre.

Una vacanza in Australia con il Working holidays Visa

Un visto turistico per l’Australia può anche essere valido in vista della possibilità di lavorare, anche se per un periodo limitato.
Il Working holidays Visa è destinato agli studenti che vogliono frequentare un corso di durata non superiore ai 4 mesi e con l’intenzione di svolgere lavori occasionali.
Il periodo si può prolungare fino a 12 mesi e, anche in questo caso, il visto può anche essere richiesto online.
Ha un costo di circa 300 euro e possono richiederlo solo gli studenti che non abbiano nessun figlio a carico e con un età compresa tra i 18 e i 31 anni.
Il visto turistico per l’Australia Working holidays Visa può anche essere richiesto più volte, a patto che durante il primo periodo di permanenza lo studente abbia lavorato nelle farm (fattorie) dell’Australia con varie mansioni per periodi stagionali.
Una vacanza in Australia, dunque, può durare dai 3 ai 12 mesi a seconda delle intenzioni e dei requisiti ed essere utile nello stesso tempo a un’esperienza di studio o di lavoro, per vivere fino in fondo l’atmosfera di questo paese sconfinato e ricco di sorprese.