Sanremo 2018: la terza serata, altri giovani in gara e Moro e Meta reintegrati

Sanremo 2018: la seconda serata, i primi giovani, il caso Meta-Moro e gli ospiti sul palco
febbraio 8, 2018
Sanremo 2018: la quarta serata, la vittoria di Ultimo e i duetti dei Big
febbraio 10, 2018
Show all

Sanremo 2018: la terza serata, altri giovani in gara e Moro e Meta reintegrati

La decisione dei vertici Rai: Meta e Moro restano in gara. Tra gli ospiti, commuove Gino Paoli nel ricordo di De André e Bindi, James Taylor omaggia Verdi alla chitarra e duetta con Giorgia.

Siamo arrivati alla terza serata del Festival targato Claudio Baglioni, che ha deciso di non farsi mancare proprio niente. Infatti, ieri sera è stato proprio lui ad aprire con le canzoni fuori gara, intonando Via, uno dei suoi brani più conosciuti. Sarà, dunque, una serata un po’ autocelebrativa, viste alcune delle esibizioni in duetto con gli ospiti.

NUOVE PROPOSTE, SECONDA SERATA

Si comincia con la seconda parte di gara dedicata alle Nuove Proposte, che si stanno rivelando una vera e propria sorpresa, in quest’edizione del Festival. A salire per primo sul palco è il rapper Mudimbi, che diverte con un testo, intitolato Il Mago, in cui invita ad affrontare la realtà di tutti i giorni con un po’ di spensieratezza e di positività, come fanno i bambini. Segue Eva Pevarello con Cosa ti salverà, canzone incentrata sulla spasmodica ricerca della felicità, poi Ultimo con un brano, Il ballo delle incertezze, in cui si affronta proprio quello che non si sa, il futuro, e la spinta per vivere, che viene solo da noi stessi. Chiude Leonardo Monteiro con il lento Bianca (che porta la firma di Vittoriano Tosetto, già autore di numerose canzoni di Eros Ramazzotti e Giorgia, ndr), in cui si spera nel ritorno di un amore che sembra finito con una partenza. La classifica della giuria demoscopica ha inserito Mudimbi al primo posto, per questa serata.

GLI ALTRI BIG IN GARA

Per quanto riguarda i fan di Fabrizio Moro e Ermal Meta, c’è di che star tranquilli: alla fine, i vertici Rai, in accordo con Baglioni, hanno deciso di far rimanere in gara il loro brano, Non mi avete fatto niente, che sta già avendo ottimi risultati in termini di ascolti, perché l’esibizione della prima serata ha superato i due milioni di visualizzazioni su YouTube. Quasi la stessa cosa vale per Lo Stato Sociale (oltre un milione e mezzo), che continua a far ballare il pubblico dell’Ariston con Una vita in vacanza. Oltre a loro, è toccato esibirsi a Giovanni Caccamo, Noemi, Mario Biondi, Riccardo Fogli e Roby Facchinetti, The Kolors, Luca Barbarossa, Enzo Avitabile con Peppe Servillo e Max Gazzè. Questa la classifica della serata:

ROSSO

Fogli – Facchinetti
Biondi
Caccamo
Noemi

GIALLO

The Kolors
Barbarossa
Avitabile – Servillo

BLU

Gazzé
Lo Stato Sociale
Meta – Moro

Sanremo 2018

GLI OSPITI MUSICALI: PAOLI COMMUOVE, TAYLOR E GIORGIA INCANTANO, NEGRAMARO AL TOP.

Grande commozione, durante l’esibizione di Baglioni e Danilo Rea ai pianoforti, mentre accompagnano un Gino Paoli ancora al top della forma, nel ricordo di Umberto Bindi e Fabrizio De André (Il nostro concerto e La canzone dell’amore perduto), seguito da un duetto tra i due cantautori in Una lunga storia d’amore.

Sanremo 2018

I Negramaro, anche se piuttosto autocelebrativi, sono sempre al top anche loro, e hanno saputo nuovamente dare prova di essere potenti trascinatori e validi musicisti. Ne è la prova la versione archi di Mentre tutto scorre e quella rockeggiante, completamente nuova, di Poster, in cui Claudio accompagna Sangiorgi in uno strepitoso duetto, il tutto intramezzato dal loro ultimo singolo La prima volta.

Sanremo 2018

James Taylor sorprende in un difficile – e, a tratti, fuori tempo, ma è perdonabile – omaggio acustico a Giuseppe Verdi ne La donna è mobile, e incanta il pubblico dell’Ariston duettando con Giorgia nel suo classico Fire and rain. C’è anche Memo Remigi, che interviene dalla platea, intonando una sua canzone.

GLI ATTORI OSPITI: DIVERTONO FRASSICA E RAFFAELI, SORPRENDONO SANTAMARIA E PANDOLFI

Tra gli attori ospiti della serata, quello che ha fatto ridere di più, sicuramente, è stato Nino Frassica, nelle vesti del Maresciallo Cecchini, in un siparietto a cui si è prestato anche Remigi – ne hanno inscenato la morte. Segue un interrogatorio esilarante a Claudio Baglioni, Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino, in cui si chiede di tutto e di più, salvo poi scoprire che Remigi… è tornato in vita! Magia! E così, vissero per sempre felici e contenti. Sorprendenti anche l’altro Claudio ospite, Santamaria, che si esibisce in un duetto con Claudia Pandolfi, che dimostra di avere ottime doti canore, soprattutto come seconda voce. Dalla platea, oltre a Remigi, interviene anche Virginia Raffaele, molto divertente anche lei nel suo modo di definire Claudio Baglioni (per lei è praticamente un sex symbol) e il suo modo di condurre il Festival, per poi cimentarsi con lo stesso in un comicissimo brano jazz.

Sanremo 2018

IL SABATO POMERIGGIO DI BAGLIONI E D’AQUINO

Altro momento molto divertente è stato la rivisitazione piano solo di un classico, Sabato pomeriggio, in cui la giornalista del TG1, Emma D’Aquino, si presta ad un divertente controcanto-interrogatorio: che cos’ha fatto, Baglioni, per far andare via quel povero passerotto?

MICHELLE HUNZIKER E L’OMAGGIO IN DONNA AGLI ALTRI GRANDI DELLA MUSICA ITALIANA

Spazio, ancora una volta, alla bellissima voce di Michelle Hunziker, con un omaggio, tra l’altro, particolarmente comico, in cui, prima da solista, poi in gruppo con altre donne, canta alcune tra le più belle canzoni di Nannini, Stadio, De Gregori, Bennato, Martini e Mannoia, tutte rappresentanti la donna, non come oggetto del desiderio ma come un tesoro pieno di segreti da scoprire e, allo stesso tempo, custodire con amore e un pizzico di gelosia. Questa esibizione va ad inserirsi all’interno di un’iniziativa promossa dalla Rai e dal Festival contro la violenza sulle donne, il cui simbolo, mostrato l’altra sera, è una rosa gialla.

BAGLIONI, HUNZIKER E FAVINO: I VOTI PER LA TERZA SERATA

Tirando le somme, sta andando sempre meglio, a livello di conduzione: ormai, si è capito che Favino e Hunziker, anche da soli, funzionano alla grande. Favino sta dimostrando di essere un bravo presentatore, oltre che cantante, ballerino e comico, vista la bella imitazione di Baglioni. A proposito di Claudio, bisogna dire che sta migliorando: diciamocelo, la scelta di stare un po’ dietro e non troppo davanti agli altri due, si è rivelata vincente, il suo modo di fare, tutto sommato garbato, seppur un po’ autocelebrativo come cantante, sta raccogliendo consensi su consensi. Appuntamento, quindi, a questa sera, con la finale delle Nuove Proposte e le canzoni dei Big in duetto con grandi nomi.

di Nazario Ricciardi