Concerto di Natale – la Corale Benedetto Marcello
Dicembre 19, 2011
I lumineri
Dicembre 19, 2011
Show all

Gente, Vigilia “pirandelliana”!

Il veterano Marcello Amici propone due atti unici di Luigi Pirandello, in un componimento “multiplo”sulla (im)mobilità della vita, dal 19 al 23 dicembre al Teatro Agorà di Roma

Lo scheletro amorfo di una sera di luci a gas. Tran tran insonne di esseri umani senza volontà. Incontri fortuiti davanti ad un caffè, repliche di un’antica filosofia di resistenza e paralisi.

L’attore-regista Marcello Amici, dopo il successo ottenuto con Pirandelliana, tra le rassegne teatrali più apprezzate e seguite dell’Estate Romana, propone un nuovo spettacolo, dal 19 al 23 dicembre al Teatro Agorà di Roma. Amici tesse insieme e scompagina con raffinata sperimentazione due atti unici di Luigi Pirandello, All’uscita e L’uomo dal fiore in bocca, inseriti in un componimento ibrido nominato Gente, la notte della Vigilia, costruito con tre novelle del drammaturgo agrigentino, Notte e Il vecchio Dio e La trappola, unite e significate dalle parole di Donata, la protagonista di Trovarsi.

Il palcoscenico si sostanzia del vuoto muto e obsoleto di creature avvinghiate, staticamente senza posa, alla propria monotona esistenza. Lampi di vita si susseguono impercettibili, brevi miracoli, lumi di miraggio al passare di personaggi esterni al torpore inetto della notte. Il resto è eterno buio. Laggiù, alla fine del viale c’è un cimitero dove fa da guardiano il vecchio Dio. Le persone parlano, del nulla che al baratro o semplicemente alla noia li conduce. Ma i dialoghi sono inserti oziosi nella catena silente di un’umanità assopita. Tutto è illusoria, molteplice attesa, varco verso l’uscita. Tra l’apparire maieutico del senso zoppicante del mondo, sotto forma dell’Uomo Grasso e del Filosofo, e il passaggio espressionista della donna uccisa, sarà la voce femminile a rivelare la verità sulla vita. È l’attrice che si dona, crea nuovo respiro, oltre la barricata dell’abulia dei suoi simili, con la sua arte si contrappone all’immortalità del Filosofo e al suo salmodiare raziocinante, tra fisica e metafisica della natura e del desiderio. Poi, all’improvviso, pochi e veloci versi dalla Vigilia, una lauda umbra del XV secolo. Esplode il chorus mysticus del gran finale dell’ottava di Mahler: l’Eterno Femminile ci fa salire… Sipario. Sulla gente pirandelliana. Sul “noi”.

TITOLO E CAST

L’UOMO DAL FIORE IN BOCCA

ALL’USCITA

di Luigi Pirandello

All’interno di GENTE, LA NOTTE DELLA VIGILIA

Tratto da Luigi Pirandello

Regia di Marcello Amici

con Marcello Amici, Marco Vincenzetti, Anna Varlese, Umberto Quadraroli, Alcide Pasquini, Raffaella Zappalà, Andrea Bloise, Simone Destrero

Scene Marcello de Lu Vrau

Direzione artistica e costumi Natalia Adriani

LUOGO E INFORMAZIONI

Teatro Agorà

Via della Penitenza 33 – Roma

Tel. 06/6874167

Dal 19 al 23 dicembre

Orario spettacoli: h. 21

Ingresso libero e gratuito

Info: 06.6620982 – info@personalaboratorio.it – www.personalaboratorio.it

di Sarah Panatta