Buster Keaton – Aforisma del 6 Maggio
Maggio 6, 2016
Libri con le ruote
Maggio 6, 2016
Show all

Daniela Cerrone ci racconta la terza edizione di Welcome Musical

Daniela Cerrone

Daniela Cerrone

Terza edizione di Welcome Musical: intervistiamo Daniela Cerrone, l’anima pulsante dell’evento

Il percorso di Welcome Musical è giunto alla sua terza tappa. È sempre un momento interessante quando un’iniziativa del genere incomincia ad avere una storia, poiché dà la piena percezione che il cammino intrapreso sia quello giusto, ormai libero dall’euforia della novità che spesso genera una conferma che si concretizza in un secondo evento, se si ha avuto successo. Ma il terzo appuntamento è quello cruciale, i meccanismi sono oliati, le eventuali emergenze si affrontano con maggiore consapevolezza e se la struttura organizzativa è valida, si è pronti a dare una continuità che si sedimenta anche nelle aspettative delle persone coinvolte. E la terza edizione di Welcome Musical ha avuto il valore aggiunto di mutare la sua natura di rassegna in un’esperienza di Musical, una giornata interamente dedicata a questa vera e propria arte che ha, come sua struttura, la caratteristica di racchiudere in sé più discipline, danza, coreografia, canto, recitazione, espressività corporea, che consentono una preparazione completa e una gestione consapevole del palco.

Ma Welcome Musical ha anche la particolarità di proporre nuovi spunti che arricchiscono la già vasta offerta proposta, una sorta di fucina di idee che non perdono mai il loro requisito principale di attuabilità. Ma per entrare meglio nei meccanismi dell’evento e per comprenderne più da vicino le prospettive, abbiamo posto alcune domande alla persona più qualificata: l’ideatrice e organizzatrice Daniela Cerrone…

 

  • Terzo anno e terza edizione di Welcome Musical: puoi farci un primo bilancio di queste edizioni?

Il bilancio nel corso di tre edizioni è certamente positivo! Non solo è cresciuto il livello artistico dei partecipanti ma gruppi che si erano affacciati timidamente portando solo coreografie ballate oggi cantano tutti e sono orgogliosa che molti hanno avuto delle opportunità grazie alle borse di studio vinte. C’è stata poi una scuola ,in questa edizione, che pur non essendo di danza ma asilo, elementare e medie ha deciso di partecipare alla rassegna: sapere che bimbi tanto piccoli, parliamo di un gruppo baby ,che ha recitato in inglese oltre che ballato, sia stato coinvolto in un percorso artistico/scolastico è meraviglioso: il teatro offre delle infinite possibilità di crescita in tutte le sue forme.

Non mi sbagliavo nel voler dare un’opportunità , una visibilità ed un supporto per lo studio a questi nostri giovani: Tu, hai seguito tutte e tre le edizioni e come sai la prima, nonostante fosse un salto nel buio e fossi completamente sola, l’ho voluta a tutti i costi.

Sono un’artista ed ho sempre faticato molto e non solo fisicamente sia per studiare che per continuare nel perfezionamento: oggi passa il messaggio che con visibilità e bellezza si può ottenere tutto e con tempi di preparazione brevi: a volte è così, ma la strada verso l’arte in qualsiasi sua espressione è lunga e faticosa ed ha bisogno di studio continuo. Anche il più grande talento se non è supportato dallo studio, dalla disciplina e dalla tecnica prima o poi regredisce.

In Italia ci sono tanti giovani meritevoli, i quali poi tentano una strada all’estero o ancora peggio vengono riconosciuti come talenti in Italia solo dopo essere stati acclamati in altri Stati, altri che non possono permettersi di studiare come vorrebbero e dovrebbero. Io ne ho scoperto qualcuno, l’ho aiutato e continuo a farlo.

  • Novità assoluta di quest’anno la diretta straming…

Non solo: Welcome musical non si può, dopo quest’anno definire solo “rassegna” ma una giornata dedicata al musical!

Grande Novità, si certo la Diretta Streaming! Più di 1200 collegamenti! Ma anche la possibilità di accedere gratuitamente alla prima selezione del “Festival di Castrocaro 2016” attraverso le audizioni effettuate, nel corso della rassegna, da Pamela Pagano, vocal coach della One More Lab e selezionatrice ufficiale per la Regione Lazio.

Gli interventi diretti sul palco con i membri della giuria, i quali hanno dato informazioni tecniche specifiche e consigli ai giovani artisti, a cominciare dal suo presidente Fabrizio Angelini – Regista e coreografo fra i più importanti del settore in Italia; per passare al maestro Giovanni Monti Pianista, compositore, direttore d’orchestra, già direttore musicale della Compagnia della Rancia in importanti Musical italiani ed alla vocal producer, Pamela Pagano. Ed ancora “Premio alla carriera” : consegnato a Marco Simeoli (membro della Giuria di Welcome Musical), attore, autore e regista fra teatro, cinema e televisione (regista dell’evento “Oscar Italiano del Musical”). La presentazione del disco di Carol Lauro, un’artista che grazie a Welcome Musical 1° edizione ha iniziato un percorso che in tre anni ha portato alla realizzazione del suo sogno: un disco “Carol canta Dalidà” che l’artista mi ha voluto donare come ringraziamento.

E……. loro i ragazzi, gli artisti: i veri protagonisti di questa giornata!

Ancora una volta il senso artistico, la preparazione attenta dei singoli e dei gruppi dai più piccoli ai grandi, ha sottolineato un elevato livello tecnico/artistico, non a caso si può dire con orgoglio che in un modo o nell’altro tutti, fra gruppi e performer hanno avuto un riconoscimento, una menzione, una o più borse di studio annuali (circa quaranta quelle messe a disposizione dei partecipanti in varie città d’Italia). Bravi e meritano una menzione i performer e duo dai baby Mariarosaria Cuomo; agli junior Agnese Inguscio, Coppola Silvia, Viola Simmini, Lorenzo de Filippo, Micaela Sovran, Arianna Saponaro Luisa Alemanno. I duo: Carola Epifani/Massimiliano Fiore, Siria Pitzoi/Nicola Valletta, Bandista Elisa/Novelli Azzurra. Ai senior Daniele Maci, Yuri Calisi. Il duo: Luca Tirocchi/Giorgio Vettori.

  • Welcome Musical si prefigge l’obiettivo di dare un’opportunità, ma anche di seguire l’evoluzione artistica dei ragazzi che vi partecipano.

Si , cerco di seguire tutti anche prima e dopo: non me ne vogliano i loro insegnanti ma per me è come se fossero tutti miei. Attraverso un contatto diretto o con loro stessi, nel caso dei più grandi, o con i loro insegnanti ho stabilito un rapporto di stima e fiducia: nel caso poi della Compagnia della Piccola luna il rapporto nato in occasione della prima edizione di Welcome Musical si è consolidato: ho portato nel Salento un altro mio progetto All Musical Two Days, un percorso formativo didattico finalizzato alla preparazione del performer, Arti del Canto, Danza e Recitazione. Ha avuto un notevole successo tanto che dal prossimo anno raggiungerò anche la Sicilia. I ragazzi hanno la possibilità di studiare e di avere un confronto con artisti altamente qualificati e…..noti nel settore musical: quest’anno oltre me Direttore artistico ed insegnante di danza ho avuto il piacere di avere quali collaboratori al progetto: Concetta Ascrizzi, Lena Biolcati, Monica Guazzini, Patrizia Loreti, Giovanni Monti, “gipeto”, Vittorio Matteucci, Pamela Pagano, Silvia Querci. Senza contare gli stage offerti in questi due anni con Fabrizio Angelini in diverse occasioni, Giovanni Monti e Pino Quartullo.

  • In questi ultimi anni ti stai concentrando su percorsi formativi ed eventi mirati per i giovani e per gli amanti del musical. Ce ne puoi parlare?

Proprio per i motivi di cui ti ho spiegato i ragazzi hanno bisogno di vivere l’arte a 360° ma ancora più importante avere la possibilità di avere borse di studio reali e studiare: per questo i costi dei miei progetti sono sotto il livello di mercato e diciamo pure alla portata di tutti. Chi è bravo ma non ha le possibilità è stato aiutato con borse di studio annuali ed i risultati si sono visti: il palco non mente.

Il musical, purtroppo oggi, in Italia non gode della considerazione che meriterebbe e di cui gode in altri Stati. È una forma di spettacolo complessa che comprende non solo la danza o la recitazione o il canto ma tutte e tre ,non solo :grande importanza ha l’ensamble sia nel balletto che nelle parti corali.

  • Tra i punti di forza di Welcome Musical c’è la scelta della giuria: professionisti di altissimo livello che hanno u ruolo anche attivo

Si ti dicevo che Welcome Musical è stata definita “una giornata all’insegna del Musical” non solo per la scelta della giuria, che nelle tre edizioni è stata sempre di altissimo livello: Fabrizio Angelini e Pamela Pagano ci sono dalla prima edizione, Giovanni Monti dalla seconda edizione ma anche per l’impostazione che ho dato quest’anno di cui ti ho parlato prima.

L’importanza della condivisione, l’abbattimento della quarta parete e la consapevolezza per i ragazzi che questi artisti non sono li per giudicare ma per sostenere ed interagire con consigli tecnici e non poco: per sostenerli con borse di studio ed opportunità lavorative e di crescita fa si che anche loro si sentano importanti ed artisti.

  • Nelle nostre chiacchierate più volte mi hai detto dell’importanza di creare uno spazio specifico nel Settore Musical, vera e propria disciplina artistica che comprende voce, recitazione, coreografie e presenza scenica. Pensi che Welcome Musical possa diventare, nel presente e nel futuro, il soggetto di riferimento per questo settore?

Svevo io me lo auguro, anche perché come hai potuto verificare Welcome musical è la manifestazione che rappresenta i giovani in quanto artisti!

L’accoglienza affettuosa dalla mattina, il sound-check per i cantanti , uno staff tecnico specializzato fonici e radio microfonista, ben 10 radiomicrofoni tra i migliori sul mercato a disposizione :i gruppi cantano tutti rigorosamente dal vivo. La certezza di sentirsi veramente importanti per un giorno incoraggiati , sostenuti e sempre avvolti dall’abbraccio virtuale , da colei che è chiamata affettuosamente “Zia Daniela”: fa si che ci sia un’atmosfera quasi surreale in cui tutti diventano parte dello stesso spettacolo, dove i ragazzi in esibizione pur non conoscendosi si sostengono e si incoraggiano ,in cui si sente e percepisce non la competitività ma l’amore e la passione per il teatro . Non ultimo la possibilità di avere anche 10 minuti per esibirsi ed avere l’opportunità di essere notati e ricordati anche in audizioni di musical importanti.

I commenti pubblicati sulla mia pagina di facebook non solo dalle insegnanti, dai genitori, dai ragazzi ma dai colleghi presenti in sala mi fanno pensare che anche se con umiltà sto procedendo nella giusta direzione . L’ organizzazione secondo il mio punto di vista: ossia di artista prima che organizzatrice e Responsabile Tecnico Nazionale del settore Musical per la ConfSportItalia ha fatto si che veramente “Welcome Musical” rappresenti un appuntamento, un giorno completamente dedicato al musical e all’insegna del musical.

Ti ringrazio per questa intervista Daniela, anche a nome dei nostri lettori, e in bocca al lupo per i prossimi impegni.

Svevo Ruggeri
Svevo Ruggeri
Direttore, Editore e Proprietario di Eclipse Magazine