Festa del Cinema di Roma 2016: Nocturama

Festa del Cinema di Roma 2016: Florence Foster Jenkins
Ottobre 21, 2016
Festa del Cinema di Roma 2016: The Hollars
Ottobre 22, 2016
Show all

Festa del Cinema di Roma 2016: Nocturama

nocturamaPresentato nella sezione Panorama di Alice nella Città, Nocturama stupisce pubblico e critica per la sua incredibile, quanto drammatica, (dis)umanità

Discusso quanto discutibile, amato quanto odiato da pubblico e critica, Bertrand Bonello dirige un film controverso, intenso ed incredibilmente attuale, che affronta il terrorismo da un punto di vista insolito ma non per questo meno drammatico.

Scritto già nel 2011 (diverso tempo prima dell’attentato a Charlie Hebdo e della strage al Bataclan), Nocturama racconta la storia di un gruppo di ragazzi, tra i 16 e i 30 anni, che senza apparente motivo organizzano un attentato terroristico nei punti nevralgici della politica parigina. A fine giornata, si nascondono in un centro commerciale dal quale assistono alle conseguenze delle loro azioni.

Perché un gruppo di giovani piccolo borghesi parigini dovrebbero scatenare una serie di attentati a catena e poi nascondersi in un centro commerciale? Cosa rappresenta il loro gesto? E’ ribellione o semplice noia? E perché proprio un centro commerciale, come punto di fuga dalla normalità? Per contestarlo, come atto terroristico finale, e snaturarlo completamente dal suo scopo primario?

Tutte queste domande riecheggiano nella testa dello spettatore per più di due ore di film, ma lasciano spazio, il più delle volte, a una inspiegabile empatia nei confronti dei protagonisti, che li porta a simpatizzare con loro e con le loro scelte, dimenticando il fine ultimo di un gesto così estremo.

Nocturama-1-620x349

Quasi come fosse una tragedia greca, il film è strutturato in 5 momenti drammatici:

  • un prologo, in cui vengono presentati i personaggi nelle loro azioni quotidiane e apparentemente scollegate tra loro;
  • un parodo, che presenta le azioni dei personaggi e i loro stati d’animo (non è ben chiaro, a chi guarda, il perché di tanta agitazione);
  • gli episodi, nel corpo centrale della narrazione, in cui alle azioni dei personaggi corrispondono delle conseguenze, spesso drammatiche;
  • gli stasimi, nella seconda parte del film, in cui i protagonisti cominciano a mettere in dubbio il loro operato e si preparano al peggio;
  • un esodo, in cui i protagonisti si abbandonano tragicamente al loro destino, perpetrato da un deus ex machina che irrompe nella loro apparente serenità per “risolvere” il dramma.

nocturama-bertrand-bonello

Come protagonisti di una tragedia greca, anche i personaggi di Nocturama agiscono sullo schermo in modo quasi plastico, drammatico. I loro movimenti sono lenti, calibrati, in netto contrasto con il loro animo violento, estremo sovversivo. Le loro azioni prendono rapidamente una piega eccessiva ed inaspettata, al punto che l’attentato terroristico rimane per diverso tempo in disparte, sullo sfondo del palcoscenico, mentre sul proscenio si svolge la vera tragedia, la disperazione dell’uomo di fronte all’ineluttabile. E questo ineluttabile, alla fine, neppure lo accettiamo, tanta è la rabbia che proviamo durante la visione. La stessa rabbia che, forse, palpitava nel cuore dei protagonisti. Ma non c’è più tempo, ormai, la fine è vicina e dobbiamo solo accettarla.

nocturama_01

“Nocturama non è un film che parla di terrorismo” spiega Bonello “quanto un film sull’insurrezione”.
Un’insurrezione, aggiungiamo noi, che non ha via di scampo: un’insurrezione che non da la minima illusione di salvezza, non la minima speranza di un mondo migliore. Perché un mondo migliore non è possibile, non davanti a un Dio pronto a punirti per le tue scelleratezze.