Le aziende ai tempi di internet: 3 consigli per domarlo
marzo 6, 2018
Quello che non so di lei, di Roman Polansky
marzo 13, 2018
Show all

Dark Night

La notte oscura della generazione rubata nel film ibrido di Tim Sutton

Sei personaggi in cerca di… un delta in cui spiaggiare respiri desideri illusioni.

Bossoli cavi, spiriti infranti, pupille assenti, maschere… oscure presenze tra grandi magazzini e piccole verande assolate, corsie affollate e giardini scomparsi. Si fanno la tinta color alba infuocata e fumano aromi tossici, volano sullo skateboard e planano sul domani inconsistente. Adolescenti o poco più, re e regine spodestati di un’era post atomica, drogati di mondi fittizi e abituati alle occasioni mancate, tra provini deludenti e partite con amici ignoti, password prestate e chiacchiere impreviste sulla baia che (non) li ascolta muta.

Il filmmaker Tim Sutton racconta in Dark Night i vuoti a perdere della gioventù contemporanea e non solo, inserendosi deliberatamente nel dibattito caldissimo sull’uso delle armi da fuoco negli USA ma anche sull’emergenza generazionale che dilania le nazioni occidentali, e che narra una civiltà autistica e autodistruttiva, che non sa e non vuole conoscersi e manda ripetutamente a morte i suoi figli. In selezione ufficiale al Sundance Film Festival 2016, Premio Lanterna Magica alla 73a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, Dark Night prende spunto dall’ennesima strage americana, compiuta da un giovanissimo killer ad Aurora in occasione della proiezione del capolavoro di Nolan The Dark Knight Rises, ne ripercorre le ore precedenti e cita a piene mani Donnie Darko e Gus Van Sant in questo docufictionrealitygame, in sala dal primo marzo.

Un colpo alla nuca e allo stomaco, una visione devastata e devastante, lucida come un trip lisergico e acidamente pop. Poesia stralunata della generazione ferita, quella post American History X, che non ha ideologie, non ha sogni solo bisogni quasi sempre insoddisfatti, che vive vite di periferia sciatta attraverso le app degli smartphone e le emulazioni dei videogiochi (che non comportano responsabilità né vergogna e che rendono tutti liberi nella virtualità codificata che in realtà ancor più imprigiona). Tutti prigionieri del vuoto, sulla perdute strade (di Google Maps) trascorrono o passano, il/nel giorno/giorni, di ordinaria vacanza, nell’America delle solitudini desolate, dei vasti spazi urbani disabitati di umanità mescolate ma non unite, emulsioni di culture spaesate nella terra delle opportunità fraintese e dei ragazzi con la pistola. Dove si rincorre uno status, che sia sociale o social, dove l’immagine di sé scherma il sé reale se di realtà ci si accorga mai, tra un post una fumata uno sparo e una chiacchiera inutile con lo strizza cervelli. Mentre il nerd di turno esorcizza la propria (presunta?) sociopatia disegnando volti anonimi sul suo album ed esplorando le possibilità della propria mente negli inevitabili giochi sparatutto online.

Sono puzzle decomposti di una giornata non troppo casuale, verso la strage. La notte nera dell’oscuro cavaliere e dei suoi affini sconosciuti compagni di destino che cercano (senza saperlo forse) di riempire un vuoto, non disperando certo di non avere modelli, di non poter centrare la propria vita, perché non ne hanno misura. Se è una mera “questione di vita o di morte”, qualsiasi scelta in fondo è sopravvivenza, è un confronto con l’ambiente, con quella materia vera che ci circonda, e che noi essere umani non possiamo comprendere, poiché pur illudendocene non siamo materia, non siamo concreti, perché in realtà siamo “una massa” oscura “di cazzate”.

Dark Night

Regia di Tim Sutton
con Robert Jumper, Eddie Cacciola, Aaron Purvis, Shawn Cacciola, Anna Rose Hopkins

direttore della fotografia Hélène Louvart
montaggio Jeanne Applegate
musiche di Maica Armata
Distribuzione: Mariposa Cinematografica e 30Holding
Uscita: 1 marzo 2018
Durata: 85′
Distribuzione: Mariposa Cinematografica e 30Holding