In trattative un biopic su Salvador Dalì

Helmut Newton in mostra a Parigi
Marzo 28, 2012
La cena dei cretini
Marzo 29, 2012
Show all

In trattative un biopic su Salvador Dalì

La Imagine Entertainment porterà sullo schermo la vita dell’artista surrealista

Anni fa erano stai annunciati non uno, non due ma ben tre biopic sulla vita di Salvador Dalì che vedevano come protagonisti rispettivamente Johnny Depp, Peter O’Toole e Al Pacino. Grandi nomi per interpretare uno dei più eccentrici, carismatici e discussi personaggi della Storia dell’arte.

Finalmente sembra che il produttore Brian Grazer con la sua Imagine Entertainment porterà sul grande schermo la storia di questo grande artista del surrealismo.
Di fatto, non è la prima volta che il nome di Salvador Dalì viene associato al cinema; tra un capolavoro e l’altro, infatti, Dalì ebbe modo di collaborare con maestri del calibro di Luis Buñuel (Un Chien Andalou e L’Age d’Or), Alfred Hitchcock (Io ti salverò) e Walt Disney (Destino).

Ancora non si hanno notizie nè sul regista, né tantomeno sull’attore che potrebbe interpretare il famoso surrealista. Sembra però che la Imagine abbia ingaggiato Paige Cameron per scrivere la sceneggiatura, che ruoterà intorno all’influenza di Dalì sul mondo dell’arte, del cinema e della moda e sul suo turbolento matrimonio con la moglie Gala. La Cameron ha all’attivo un cortometraggio intitolato Hills Like White Elephants e un altro biopic dal titolo Satchmo a cui sta lavorando attualmente, ma l’autrice deve aver fatto una buona impressione sulla Fondazione Gala-Salvador Dalì che le ha concesso di visionare documenti, fotografie, disegni, lettere e altri contenuti esclusivi da utilizzare durante la stesura dello script.

Fino ad ora, infatti, nessuno dei film in cui è apparso l’artista, vedi Little Ashes (dove Dalì era impersonato da Robert Pattinson) e il recente Midnight in Paris (dove c’era il poliedrico Adrien Brody), avevano mai avuto il beneplacito della Fondazione Gala-Salvador Dalì. Come ha riferito l’amministratore Joan Manuel Sevillano: “L’interesse della fondazione Gala-Salvador Dalí in un film biografico è sempre stato limitato a quello che comporterebbe una produzione di serie A. Siamo lieti di vedere questo progetto nelle mani della Imagine, una società di produzione il cui gusto e gli standard di eccellenza sono in linea con l’eredità di Dalí, così come Paige Cameron, una sceneggiatrice che ammiriamo e in cui riponiamo una grande fiducia.”

Di Francesca Casella